Il punto del Presidente

2012-2017 cinque anni “veloci”

Il Punto - Ruotalibera 152

Il tempo passa veloce, ecco un bel luogo comune! Eppure proprio così è andata: cinque anni sono passati veloci ed ora è tempo di rinnovamento. Per la prima volta da quando FIAB Verona è nata avremo un presidente e, mi auguro anche un direttivo, più giovane del precedente. Mi sembra una ottima cosa: la vecchia guardia ci mette l’esperienza e, non dimentichiamolo, molto del proprio tempo libero, la nuova l’entusiasmo e una visione probabilmente più moderna dell’associazione.

In questi cinque anni qualche socio l’abbiamo perso ma non dimentichiamo che solo Milano si avvicina ai nostri numeri. Brescia la terza associazione FIAB in Italia ha circa un terzo dei nostri soci. Siamo e restiamo un punto di riferimento e lo si vede dal numero e dalla qualità degli eventi che ogni anno mettiamo in piedi.

Abbiamo una bellissima sede, ora anche multimediale, con lo spazio per la ciclofficina: sta solo a noi usarla al meglio. Il servizio di registrazione e punzonatura biciclette avviato sei mesi fa procede bene con un doppio vantaggio per noi. Per primo nella nostra sede arrivano molti ciclisti non soci che così ci conoscono, apprezzano il nostro lavoro, in più qualcuno esce anche con la tessera! L’altro vantaggio è che il servizio è svolto da un gruppo di ragazzi e questa “insolita allegra presenza” è segnale di speranza per un ricambio.

A livello cittadino purtroppo non posso dire che le cose siano migliorate molto. Abbiamo conosciuto nell’amministrazione persone volonterose, normalizzato i rapporti con le istituzioni, non cercando lo scontro continuo, anche se qualche volta verrebbe voglia di dissotterrare “l’ascia di guerra”! Nonostante tutto questo sforzo il tema mobilità ciclistica è e resta questione assai marginale per l’intero apparato comunale che sembra incapace di comprenderne l’importanza. Non dimentichiamo però che il consiglio comunale è espressione di un voto democratico quindi evidentemente la maggioranza dei veronesi vuole ostinatamente muoversi in automobile, incapace di concepire un’alternativa. Quindi il problema di base da affrontare è culturale.

Diverso il discorso sul cicloturismo che invece ha visto un notevole sviluppo sia come infrastrutture che come utenti. Molta strada è ancora da percorrere ma direi che negli ultimi 15 anni partendo quasi da zero gli sviluppi sia in Provincia che in Regione sono stati notevolissimi. Restano delle incomprensibili carenze, per esempio sull’argine sinistro dell’Adige a sud di Verona nemmeno una indicazione, un cartello! Un bellissimo percorso panoramico, asfaltato, sicuro perfettamente ignorato dalle varie amministrazioni.

Per concludere con una nota personale, come sapete nel 2011 appena entrato in direttivo, mi sono trovato all’improvviso prescelto a gestire una associazione complessa come la nostra senza la minima esperienza né preparazione. Ho accettato volentieri la sfida, affrontare cose che non so fare ha per me un fascino particolare. Posso dire che ho trovato una “macchina organizzativa” ben funzionante, certo si può sempre fare di meglio ma non buttiamoci giù, nel complesso andiamo molto bene. Certo, se ci fosse qualche “new entry” fra i volontari non guasterebbe, questo lo dico da cinque anni ed è l’ultima volta che vi invito a farlo: non siate timidi, fra i volontari c’è spazio (e soddisfazioni) per tutti.

Io “speriamo che me la sia cavata”, il successore sappiamo già che se la caverà egregiamente.

(da Ruotalibera 152 – marzo/aprile 2017)

Leggi tutto

Giorgio Migliorini

Classe 1951, ex ingegnere (ma un ingegnere è per sempre). Ha guidato generosamente le sorti dell'associazione per cinque anni, dal 2012 al 2017, dimostrandosi al contempo equilibrato e determinato, senza mai mancare di visione e capacità strategica. Dal 2017 è Vicepresidente, molto presente e attivo ovunque ci sia bisogno del suo aiuto. Amante della Cina (si dice sinofilo), ne ha studiato a lungo lingua e costumi, prima di avventurarsi a verificare le sue conoscenze sul posto, in una serie di viaggi incredibili in compagnia della moglie Claudia. Uomo dalle solide basi razionali, preferisce affidarsi alla certezza delle formule, piuttosto che all'incertezza delle poesie; questa predisposizione fa sì che sappia cogliere la bellezza anche in una zona industriale, mentre una ciclabile lungo un canale riuscirà ad affascinarlo solo in presenza di ardite opere di ingegneria idraulica.
Close
Close

Questo sito utilizza strumenti che installano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per raccogliere dati di navigazione (cookie statistici) o per promuovere prodotti e servizi (cookie di profilazione). Possiamo usare i cookie tecnici senza il tuo consenso, ma hai diritto di abilitare o meno quelli statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuterai ad offrirti una migliore esperienza di navigazione.