Vita associativa

Alla famiglia Fumagalli il premio “Amico della Bicicletta 2019”

Silenziosi e instancabili testimoni di uno stile di mobilità sano e sostenibile, amico dell’ambiente…

Durante l’annuale festa di Ruotalibera, presso il centro Fevoss di Santa Toscana, in un clima di festosa allegria, il presidente di FIAB Verona Corrado Marastoni ha consegnato il tradizionale premio “Amico della Bicicletta” per l’anno 2019 alla famiglia Fumagalli con la seguente motivazione:

Muoversi a Verona in bicicletta, come si sa, non è agevole: piste ciclabili che si interrompono, mezzi privati a motore che possono girare liberamente in Centro e nelle zone residenziali, autisti spesso distratti, impazienti e frettolosi. Questo senso di insicurezza ancora presente nelle strade cittadine scoraggia molti veronesi a cambiare le proprie abitudini di mobilità, e in particolare porta spesso le famiglie a non suggerire – talvolta persino a proibire – l’uso della bicicletta ai propri figli.

Per i Fumagalli – papà Luciano, mamma Daniela, e i ragazzi Giovanni e Federico – la storia è diversa. Sole o pioggia, brezza o vento, li vediamo da sempre pedalare in città, loro davanti, Giovanni dietro, Federico nel seggiolino. Vederli arrivare ogni mattina a scuola in bicicletta è diventato un gradevole appuntamento quotidiano e anche – forse – un po’ occasione di sana invidia per i frequentatori del plesso scolastico Messedaglia – Emma Foà a San Bernardino. Liberi e sereni, i Fumagalli sono una famiglia su due ruote che sceglie la bicicletta come mezzo di spostamento primario nella vita cittadina e, soprattutto, la fa scegliere in modo naturale ai propri figli.

Siamo certi che un giorno – magari non troppo lontano – questa città migliorerà la propria mobilità, con la creazione di nuovi percorsi ciclabili diretti e in sicurezza e con una vita resa meno facile per chi si ostina a usare l’auto anche per brevi percorsi urbani. Quando questo accadrà, un numero crescente di concittadini si renderanno lentamente conto che muoversi in città con la bicicletta conviene perché più rapido e sufficientemente sicuro.

Per la famiglia Fumagalli questo giorno sarà una lieta novità, ma in realtà non farà molta differenza, dato che loro in bicicletta ci vanno già ora. Sarà però importante riconoscere che quel giorno sarà arrivato anche grazie alla loro silenziosa e instancabile testimonianza quotidiana di mobilità rispettosa della città e di positiva educazione genitoriale “sul campo”. In fondo è anche per dare il giusto merito a persone così che noi Amici della Bicicletta doniamo il nostro tempo per costruire una città migliore, per loro e per quelli che ancora non lo sanno.

È dunque per questo che siamo lieti di conferire a Luciano, Daniela, Giovanni e Federico Fumagalli il premio “Amici della Bicicletta 2019” anche in nome delle altre famiglie veronesi che nonostante tutto scelgono la bici per la loro vita quotidiana, e li incitiamo – anche se siamo sicuri che non ce ne sarà bisogno – a continuare a pedalare.

I premiati, nel ringraziare per il riconoscimento, hanno ribadito di non sentirsi affatto speciali. Per loro andare in bicicletta è naturale e benefico, e quindi da preferisi, in generale. Ma nello specifico è anche frutto di considerazioni di utilità: cronometro alla mano, infatti, le percorrenze per svolgere le incombenze quotidiane risultano ridotte anche di due terzi rispetto all’auto. Senza contare l’assenza di stress e gli aspetti piacevoli dell’esercizio fisico e della possibilità di vivere più a fondo la città e le relazioni.

Decisamente un bell’esempio. Bravissimi!


Articolo-intervista pubblicato dal Corriere di Verona - Domenica 20 ottobre 2019
Articolo-intervista pubblicato dal Corriere di Verona (Domenica 20 Ottobre 2019)
Tags
Leggi tutto
Back to top button
Close

Questo sito utilizza strumenti che installano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per raccogliere dati di navigazione (cookie statistici) o per promuovere prodotti e servizi (cookie di profilazione). Possiamo usare i cookie tecnici senza il tuo consenso, ma hai diritto di abilitare o meno quelli statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuterai ad offrirti una migliore esperienza di navigazione.

Alcuni contenuti non sono disponibili!

Questo succede perchè la funzionalità “%SERVICE_NAME%” usa cookie che hai deciso di bloccare. Per vedere questo contenuto, devi autorizzare la ricezione dei cookie: click qui per rivedere le tue preferenze.