El canton del Bepo

Morta per una svista

El canton del Bepo - Ruotalibera 149

Strada, curva, buca assassina, sono alcuni dei titoli di giornale che possiamo leggere in Italia. La tragedia vera, oltre ai morti che ci scappano, è che molti credono veramente a questi titoli. Così ci sono sempre dei solerti Consiglieri o Assessori che si impegnano ad allargare strade, a raddrizzare curve e a tappare buche, tra il plauso del gentile pubblico o del comitato di turno. La verità che non si vuole riconoscere, è che nessuna strada o curva o buca ha in sé l’indole dell’assassino. Al massimo sono imputabili degli incidenti progettisti incapaci o costruttori disonesti.

Quasi sempre, la responsabilità è dei cittadini che non rispettano le regole del codice della strada, con molta fantasia di comportamenti, dall’uso del cellulare alla velocità eccessiva o alla sbadataggine, ma sempre con la sostanziale insofferenza o indifferenza nei confronti delle norme.

È una caratteristica del nostro popolo il moralismo che condanna, con fermezza e con dovizia di insulti, il minimo comportamento disonesto (o supposto tale) degli altri e assolve, con atteggiamento di comprensione e giustificazione, i propri vizi. Oggi, parlando con amici carissimi e rispettosi della legge e facendo notare che le strisce pedonali sono uno dei posti più pericolosi al mondo, mi sono sentito dire, che: “Alcuni pedoni attraversano improvvisamente la strada, sulle strisce, altri le attraversano con lentezza esasperante”. In Germania, per dire, quando vedono un pedone nei pressi delle strisce si fermano tutti, senza se e senza ma.

A Verona, all’inizio di luglio una donna ancora giovane ha perso la vita sull’attraversamento ciclopedonale in Via Galliano, all’incrocio con Via San Marco. Attraversava col verde. L’automobilista dice che non l’ha vista. “Anche lei, però, doveva stare attenta alle auto…”. Questo il commento di un ciclista.

Chi attraversa con il semaforo verde deve fare attenzione. Cioè, se ho ben capito, chi passa col rosso, in fondo, non è un criminale. Capita.

Ancora siamo convinti che senza Europa staremmo meglio?

(da Ruotalibera 149 – agosto/ottobre 2016)

Leggi tutto

Bepo Merlin

Giuseppe Merlin, per tutti Bepo, ciclista urbano e appassionato cicloturista, va in bici da sempre, ma più convintamente da quando, a seguito del primo infarto, il medico gli ha detto di essere in debito della vita nei confronti della sua due ruote. Da allora si spende senza risparmio per la promozione della ciclabilità, in veste di socio-attivo e animatore di uscite e serate culturali. È stato anche Direttore di FIAB nazionale (succedendo all'indimenticato Gigi Riccardi e prima dell'attuale Francesco Baroncini), lasciando di sè un bellissimo ricordo in tutti coloro che hanno avuto il piacere di incontrarlo e conoscerlo, durante una delle sue molte "visite pastorali" in giro per le varie associazioni d'Italia. Tuttora collabora con FIAB Verona in mille forme e con mille strumenti, tra i quali spicca la penna, la sua "arma segreta", che Bepo maneggia con destrezza e rara efficacia. Chiunque legga i suoi scritti, infatti, non può non apprezzarne l'onestà intellettuale e la lucidità di analisi. Da tempo immemorabile tiene la sua personale rubrica "El cantòn del Bepo" nell'ultima pagina della rivista Ruotalibera, di cui è stato per anni capo redattore, riorganizzandola nella veste e nei contenuti così come la vediamo oggi. È stato anche tra i promotori e forti sostenitori della rivista nazionale BC, importante mezzo di comunicazione per le associazioni FIAB italiane e indispensabile organo di diffusione del miglior "ciclopensiero".
Close
Close

Questo sito utilizza strumenti che installano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per raccogliere dati di navigazione (cookie statistici) o per promuovere prodotti e servizi (cookie di profilazione). Possiamo usare i cookie tecnici senza il tuo consenso, ma hai diritto di abilitare o meno quelli statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuterai ad offrirti una migliore esperienza di navigazione.